Duomo di Caorle su facebook

venerdì 29 aprile 2011

Benedetto XVI racconta Giovanni Paolo II

Divulgo questa intervista rilasciata da papa Benedetto XVI il 16 ottobre 2005 alla televisione pubblica polacca, e pubblicata ieri da Il blog degli amici di Papa Ratzinger. Interrogato dal padre gesuita Andrea Majewski, il Santo Padre ricorda come ebbe inizio, durante i conclave del 1978, la sua amicizia con il cardinale polacco, poi papa Giovanni Paolo II, e come poi essa sia sfociata nel particolare rapporto di fiducia che vi era tra i due.

R. – Dall’inizio ho sentito una grande simpatia e, grazie a Dio, immeritatamente, il cardinale di quel tempo mi ha donato fin dall’inizio la sua amicizia. Sono grato per questa fiducia che mi ha donato, senza i miei meriti. Soprattutto vedendolo pregare, ho visto e non solo capito, ho visto che era un uomo di Dio. Questa era l’impressione fondamentale: un uomo che vive con Dio, anzi in Dio. Mi ha poi impressionato la cordialità, senza pregiudizi, con la quale si è incontrato con me. Senza grandi parole, era così nata un’amicizia che veniva proprio dal cuore e, subito dopo la sua elezione, il Papa mi ha chiamato diverse volte a Roma per colloqui e alla fine mi ha nominato Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede.

D. - Quali sono, secondo Lei, Santo Padre, i punti più significativi del Pontificato di Giovanni Paolo II?

R. - Possiamo avere, direi, due punti di vista: uno ad extra - al mondo -, ed uno ad intra - alla Chiesa -. Riguardo al mondo, mi sembra che il Santo Padre, con i suoi discorsi, la sua persona, la sua presenza, la sua capacità di convincere, ha creato una nuova sensibilità per i valori morali, per l’importanza della religione nel mondo. Questo ha fatto sì che si creasse una nuova apertura, una nuova sensibilità per i problemi della religione, per la necessità della dimensione religiosa nell’uomo e soprattutto è cresciuta – in modo inimmaginabile – l’importanza del Vescovo di Roma. Tutti i cristiani hanno riconosciuto – nonostante le differenze e nonostante il loro non riconoscimento del Successore di Pietro – che è lui il portavoce della cristianità. Nessun altro al mondo, a livello mondiale può parlare così nel nome della cristianità e dar voce e forza nell’attualità del mondo alla realtà cristiana. Ma anche per la non cristianità e per le altre religioni, era lui il portavoce dei grandi valori dell’umanità. E’ anche da menzionare che è riuscito a creare un clima di dialogo fra le grandi religioni e un senso di comune responsabilità che tutti abbiamo per il mondo, ma anche che le violenze e le religioni sono incompatibili e che insieme dobbiamo cercare la strada per la pace, in una responsabilità comune per l’umanità. Spostiamo l’attenzione ora verso la situazione della Chiesa. Io direi che, anzitutto, ha saputo entusiasmare la gioventù per Cristo. Questa è una cosa nuova, se pensiamo alla gioventù del ’68 e degli anni Settanta. Che la gioventù si sia entusiasmata per Cristo e per la Chiesa ed anche per valori difficili, poteva ottenerlo soltanto una personalità con quel carisma; soltanto Lui poteva in tal modo riuscire a mobilitare la gioventù del mondo per la causa di Dio e per l’amore di Cristo. Nella Chiesa ha creato – penso – un nuovo amore per l’Eucaristia, ha creato un nuovo senso per la grandezza della Misericordia Divina; e ha anche approfondito molto l’amore per la Madonna e ci ha così guidato ad una interiorizzazione della fede e, allo stesso tempo, ad una maggiore efficienza. Naturalmente bisogna menzionare – come sappiamo tutti - anche quanto sia stato essenziale il suo contributo per i grandi cambiamenti nel mondo nell’89, per il crollo del cosiddetto socialismo reale.

D. – Nel corso dei suoi incontri personali e dei colloqui con Giovanni Paolo II, che cosa faceva maggior impressione a Vostra Santità? Potrebbe raccontarci i suoi ultimi incontri con Giovanni Paolo II?

R. – Sì. Gli ultimi due incontri li ho avuti, un primo, al Policlinico “Gemelli”, intorno al 5-6 febbraio; e, un secondo, il giorno prima della sua morte, nella sua stanza. Nel primo incontro il Papa soffriva visibilmente, ma era pienamente lucido e molto presente. Io era andato semplicemente per un incontro di lavoro, perché avevo bisogno di alcune sue decisioni. Il Santo Padre - benché soffrendo – seguiva con grande attenzione quanto dicevo. Mi comunicò in poche parole le sue decisioni, mi diede la sua benedizione, mi salutò in tedesco, accordandomi tutta la sua fiducia e la sua amicizia. Per me è stato molto commovente vedere, da una parte, come la sua sofferenza fosse in unione col Signore sofferente, come portasse la sua sofferenza con il Signore e per il Signore; e, dall’altra, vedere come risplendesse di una serenità interiore e di una lucidità completa. Il secondo incontro è stato il giorno prima della morte: era ovviamente più sofferente, visibilmente, circondato da medici ed amici. Era ancora molto lucido, mi ha dato la sua benedizione. Non poteva più parlare molto. Per me questa sua pazienza nel soffrire è stato un grande insegnamento, soprattutto riuscire a vedere e a sentire come fosse nella mani di Dio e come si abbandonasse alla volontà di Dio. Nonostante i dolori visibili, era sereno, perché era nelle mani dell’Amore Divino.

© Copyright Radio Vaticana

3 commenti:

  1. Molto interessante, ma perchè non pubblicate anche l'intervista al Patriarca Scola?
    Inoltre ho notato una cosa strana quando ieri mi sono recata all'ufficio parrocchiale, una fonte che prima non c'era: si tratta di acqua sorgiva? So che ci sono alcune falde nel nostro territorio e mi chiedevo se questa fosse una di quelle. E' sicuramente una fonte miracolosa.
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Eccola accontentata, il primo articolo di oggi riguarda l'intervista al Patriarca Scola!

    Per quanto riguarda la fonte non so se si tratti di acqua sorgiva o di falda, mi informerò meglio. Per quanto riguarda i miracoli...in un certo senso sono d'accordo anch'io, è un miracolo che funzioni!

    RispondiElimina
  3. capo chierichetto30 aprile 2011 22:05

    Guardi io mi sono accorto che uscivano poche gocce dal buco all'interno del pozzo e ha provato a muovere con un bastone la terra ed l'acqua usciva sempre più.
    Ho riprovato e l'acqua esce di continuo.
    E' UN MIRACOLO ACQUA E' MIRACOLOSO.
    Infatti un ragazzo a provato a toccarla e lo ha morso, era uscito un po' di sangue e poi ha messo la mano sull'acqua miracolosa e il taglio si è richiuso subito.

    E' UN MIRACOLO.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Articoli correlati